Agathe
Custommade for

AGATHE TOMAN

NOT AVAILABLE
GIORNI RESTANTI PER L'ACQUISTO
Acquista ora
"Mi chiamo Agathe Toman, ho 27 anni, sono una pittrice e illustratrice francese, vivo tra la gattabuia e Parigi. Lavoro solo in bianco e nero, usando soprattutto penne Bic per le illustrazioni e pittura acrilica nera per i dipinti astratti. Il nero enfatizza la luce e il bianco. Una delle mie frasi preferite è "Se vuoi le stelle, devi fare i conti col buio", ed è un bel pensiero su cui riflettere… Lavoro su vari formati, ma soprattutto grandi, e su diversi supporti, come carta, tela, skateboard, tavole da surf e pareti."
INTERVISTA
COME DESCRIVERESTI IL TUO STILE?
Bianco e nero, figurativo e astratto, dettagliatissimo e testurizzato, a contrasto e tonale, uno stile che fonde tutti questi opposti e cerca di creare quello che sarebbe, per me, l'equilibrio ottimale.
COSA SIGNIFICA PER TE "OFF THE WALL"?
È quando ti senti su un terreno instabile; significa che sei sulla strada giusta, che sei fuori dal guscio e puoi creare e vivere cose che credevi fossero irraggiungibili. Bisogna dimenticare il modo in cui ci è stato detto di fare le cose e farle invece alla nostra maniera. "Siamo tutti nati nel fango, ma alcuni di noi guardano alle stelle", Oscar Wilde. Alcuni di noi trovano il coraggio di uscire dagli schemi, di essere Off the Wall.
QUALI SONO LE TUE PRINCIPALI FONTI DI ISPIRAZIONE?
Traggo ispirazione soprattutto dal mio passato e dalle persone che mi sono intorno oggi, dagli stati emotivi che mi suscitano. Si tratta di sensazioni, quelle che ti cambiano la vita e il tuo modo di essere, in maniera positiva o negativa che sia. Quelle sensazioni che influiscono sul resto della tua esistenza, gli eventi più estremi che accadono nella vita. Ognuna delle mie illustrazioni e tele rappresenta una cosa che ha in qualche modo cambiato la mia vita, nel bene o nel male. Credo sia questo che l'arte debba fare e questa è una delle ragioni per cui io faccio arte, e mostrandola voglio trasmettere queste emozioni agli altri.
QUAL È STATO IL TUO PRIMO PAIO DI VANS?
Slip-on a scacchi.
QUALI DELLE REAZIONI AI TUOI LAVORI SONO TRA LE TUE PREFERITE?
"Amo la tua arte, il tuo universo e tutte le emozioni che questo sprigiona. Non è oscuro, [è] luce celata, è intenso."
SE POTESSI REALIZZARE UNA COLLABORAZIONE CON UN ARTISTA QUALUNQUE, VIVENTE OPPURE NO, CHI SCEGLIERESTI?
Harmony Korine, Mark Oblow, Kurt Cobain e Vincent Van Gogh.
QUALI DEI TUOI LAVORI SONO TRA LE TUE CREAZIONI PREFERITE?
Direi tutti i dipinti e le illustrazioni su formato grande. Mi piacerebbe farne di più, ma lo spazio necessario a crearli è sempre più un problema…
CHE PROGETTI HAI PER IL 2017/2018?
Fine 2017: Una mostra personale a Hossegor.
Aprile: 2018 Una mostra personale a Parigi, all'Ellia Gallery di Saint Germain des Prés.
Dicembre 2017: Lo snowboard che ho realizzato con Nidecker.
2018: Una collaborazione con Swenson Global sulla rivista e nei loro spazi, e un progetto video con Ludovic Azémar.
Primavera 2018: Lancerò la mia collaborazione con un marchio di surf per la loro linea di abbigliamento e per una tavola.